Strudel di Mele

In questi giorni vi ritrovate accucciati su un divano, vicino al caminetto, tra coperte e fuoco acceso?
Questa atmosfera da alta montagna vi farà sicuramente venire in mente un tipico dolce delle alte quote: lo strudel!
Noi lo facciamo utilizzando un impasto leggero (la pasta matta, ma va bene anche l’impasto della simil brisée che abbiamo utilizzato in più occasioni), poi delle mele, della frutta secca e della marmellata possibilmente senza zucchero, così da ottenere un dolce non troppo dolce (e quindi migliore per la nostra salute).
Ecco a voi gli ingredienti:

• Pasta matta (vedi sotto)
• 4 mele (renette o golden o simili)
• 2 cucchiai di pinoli
• 1 cucchiaio di cannella
• Succo di ½ limone
• 4 cucchiai di marmellata (senza zucchero)
• 80 gr zucchero di canna
• Facoltativo: uva sultanina e scorza di agrumi

Pasta matta
 150 g Farina tipo 2
 20ml olio e.v.o
 75ml acqua tiepida
 poco sale

Iniziamo preparando la pasta matta: in una ciotola riuniamo farina, olio, acqua e pochissimo sale. Lavoriamo l’impasto fino a formare una palla morbida ed elastica. Fare riposare Fuori Frigo per almeno 30-40 minuti prima di lavorarla e stenderla.
Intanto tagliare a fette sottili le mele e bagnarle con del succo di limone.
Stendere l’impasto, versare la marmellata alla base, poi le mele, i pinoli, lo zucchero e la cannella. Se volete potete aggiungere scorza grattugiata di limone o arancia e dell’uva sultanina.
Chiudere lo strudel ripiegandolo su se stesso.
Cuocere in forno a 180°C…. buono sia tiepido che a temperatura ambiente, magari accompagnato da una tisana calda, un thè o un buon infuso!
Se preferite potete aggiungere anche a decoro altra frutta secca, creme o frutti di bosco….buono strudel a tutti!

Pubblicato da

verdedibonta

Sabrina Peroni crea per caso Verde di Bontà nel momento in cui accoglie le richieste di alcuni amici desiderosi di approfondire la cucina vegetale. Non ama le etichette o le classificazione, ma sa per certo che la sua vita è migliorata da quando, nel 2012, ha dato ascolto al cuore e l'ha messo d'accordo con lo stomaco, trasformando la propria cucina in un luogo di vita, profumi, sapori e colori. Si occupa di Alimentazione Vegetariana (Master in Alimentazione e Dietetica Vegetariana presso l'università Politecnica elle Marche), blogger e organizzatrice di corsi di cucina per chi vuole avvicinarsi a questo tipo di alimentazione. Ha scritto il volume "cavoli nostri!" edito da Qudulibri e una serie di progetti per portare l'educazione alimentare nelle scuole. Per contatti: sabrina@verdedibonta.it