Panzerotti

A Carnevale ogni panzerotto vale!
Finora non avete mai visto ricette fritte su questa pagina, e non è un caso, nel senso che il fritto – lo ricordiamo – non è un modo di nutrirsi sano…. però tutti sappiamo quanto è buono e quindi a Carnevale un frittino ce lo concediamo.
Vi propongo il panzerotto, che è una piccola pizza ripiena (e per il ripieno lascio spazio alla vostra fantasia e al vostro gusto) fritta oppure cotta al forno.

Idea semplice, che richiede i normali tempi di lievitazione della pizza, e che piacerà sicuramente a tutti!

Servono:
300gr farina (tipo 2, tipo 1 oppure manitoba)
150ml acqua
4 gr sale
4 gr zucchero integrale di canna
5 gr lievito di birra
1 cucchiaio di olio evo

Per il ripieno
200 gr polpa o passata di pomodoro
formaggio vegetale – oppure verdure – o altro
basilico e origano
olio di semi di arachide q.b.

Disporre la farina a fontana e unire al centro l’acqua (dove avremo sciolto il lievito), lo zucchero, l’olio e la presa di sale. Impastare fino ad ottenere un composto liscio ed elastico.
Lasciare lievitare per un’ora e mezza o più.

Nel frattempo prepariamo il condimento per il ripieno: dalla classica passata con odori e formaggio veg, a funghi, o scarola, o erbe, patate o altre verdure…. spazio alla fantasia in cucina!

Stendiamo l’impasto, ricaviamone dei dischi (con l’aiuto di un coppapasta) dello spessore di circa 3-4mm.
Al centro versiamo il ripieno appena preparato e richiudiamo il disco di pizza facendo attenzione a sigillare bene i bordi.
Ora potete friggere in abbondante olio di arachide. Vedrete che i panzerotti cuociono in un attimo. Cuocetene 2 o massimo 3 alla volta per seguirne meglio la cottura.
Poi scolate bene e asciugate su carta da cucina.

Per chi volesse essere virtuoso anche a carnevale si può ricorrere alla classica cottura al forno.

“Pizza” di cavolfiore

Avete letto bene: non è pizza al cavolfiore o con il cavolfiore: è di cavolfiore, è buona, croccante ed è davvero una ricetta faciile e sorprendente.
Si tratta di preparare un impasto alternativo fatto di cavolfiore appena sbollentato (ma la mia amica Elisa, che mi ha suggerito la ricetta, utilizza il cavolo crudo..quindi a voi la scelta) e poi la pizza potrete condirla come preferite.

Ingredienti:
1 piccolo cavolfiore
150 grammi di farina di ceci
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
q.b.passata di pomodoro
origano o basilico (ma anche olive, cipolle, zucchine, capperi, rucola, erbe saltate, peperoni, ecc)
sale e pepe
facoltativo maionese veg a fine cottura

Tagliamo il cavolfiore a pezzetti e lo lessiamo pochissimi minuti (meglio al vapore o in vasocottura).
Asciughiamo e schiacciamo aggiungendo la farina di ceci, un paio di pizzichi di sale e poco pepe. Mettiamo questo composto in una teglia da forno (ricoperta di carta antiaderente), cercando di schiacciarlo in maniera uniforme.
Ora condiamo con un giro di olio e iniziamo a cuocere per circa 10minuti a 200 gradi. Poi tiriamo fuori la “pizza” dal forno e condiamo con pomodoro capperi olive, ecc. Lasciare cuocere ancora per 5/7 minuti, sfornare e servire ancora fumante.

Quindi da ora in poi accettiamo anche l’idea del cavolo a merenda!!😁

Sedano rapa a cotoletta con maionese

Il sedano rapa è un ortaggio che si sta via via facendo sempre più conoscere nella stagione invernale grazie al suo elevato contenuto di vitamine, basso apporto calorico e proprietà depurative. Ma come cucinarlo?
Esistono tante ricette… al forno, in purè, crudo in insalata oppure impanato e cotto al forno ( o in padella) come fosse una cotoletta o dei bastoncini.

Ingredienti
1 sedano rapa
Pan grattato
Olio sale e pepe

Per la pastella
Farina di ceci
Pan grattato
Acqua olio e sale

Per la maionese
Olio di semi di girasole deodorato e biologico
Bevanda di soia
Senape
Prezzemolo
Limone e sale

Laviamo il sedano rapa ed eliminiamo le radici.
Lo possiamo tagliare a fette o a bastoncini e lo lessiamo in acqua bollente per pochi minuti ( non più di 10).
Lo passiamo in una pastella fatta da mezzo bicchiere di farina di ceci ed un bicchiere scarso di acqua. Ora lo immergiamo nel pan grattato e lo condiamo con sale, olio ( ma anche pepe o aromi a piacere)
Lo cuociamo in forno dopo averlo bagnato con poco olio ( 180°C per circa 20 minuti).
Intanto prepariamo una maionese con 50 ml di bevanda di soia alla quale uniamo un pizzico di sale e qualche goccia di limone. Iniziamo a frullare e aggiungiamo a filo l’olio di semi fino a che vediamo montare la maionese ( basteranno pochi secondi).
Completiamo la maionese aggiungendo un cucchiaio di senape e del prezzemolo tritato.

Muffin salati

Merendina sfiziosa? Snack fuori casa? Aperitivo? Oppure per accompagnare una cena serviti anche al posto del pane? I muffin salati sono uno sfizio che ci possiamo concedere in tante occasioni. Li possiamo anche preparare e poi congelare, per riusarli al momento giusto.
Utilizziamo farine semintegrali (e per chi vuole si può utilizzare anche kamut, farro, e altro).
La ricetta è semplice, ricordatevi solo che devono lievitare qualche ora: il mio consiglio è di preparare l’impasto la sera, lasciarli in frigo per una notte e poi cuocerli il giorno dopo.

Ingredienti
200 Farina 2
• 100 Farina 0
• 1 cucchiaio Fecola di patate
• 1 vasetto yogurt di soia
• 10 gr lievito di birra
• 70 ml Olio di oliva
• 150 ml Latte vegetale
• Sale pepe
• Foglie di Timo
• Olive e pomodorini secchi

Facoltativo: zucchine, funghi e altre verdure;
si possono decorare anche con semi misti.

Setacciare le farine e la fecola ed aggiungere il lievito sciolto in poca acqua, il vasetto di yogurt di soia, l’olio e la bevanda vegetale, le foglie di timo ed il sale.
Impastare bene e lasciare lievitare per almeno 12 ore. Poi rimpastare e lasciare lievitare di nuovo qualche ora (almeno 2).
Tagliare a pezzetti i pomodorini secchi e le olive (taggiasche) e aggiungere all’impasto.
Versare in pirottini da muffin l’impasto e cuocere a forno statico a 190°C fino a doratura (testare la cottura anche con lo stecchino).
Servire tiepidi o a temperatura ambiente.

Buona merenda a tutti!!!