Babaganoush (Crema di Melanzane)

pronti per la seconda ricetta della #melanzanaweek?

oggi vi faccio fare un viaggio nei paesi mediorientali: ci siete mai stati? Io ho avuto la possibilità di mangiare in un ristorante libanese e così innamorarmi della

💚 BABAGANOUSH la Crema di Melanzane 💚

1 melanzana tonda (globulosa)
olio
sale
1/2 spicchio d’aglio
il succo di mezzo limone
1 cucchiaino di tahin (crema di sesamo)
prezzemolo q.b.
peperoncino q.b.
facoltativo: foglioline di menta

La babaganoush si ottiene cuocendo le melanzane intere al forno, dopo averne inciso la superficie in più punti (per farne uscire il liquido amaro).
1. incidere con la lama del coltello in più punti la melanzana
2. cuocere in forno a 180-200 °C per 30-35 minuti.
3. Raffreddare e dividerla in 2 parti: ora con un cucchiaio prelevate tutta la polpa molle, il cosiddetto caviale di melanzana che
4. potete frullare con olio, sale, peperoncino, poco aglio, del succo di limone, prezzemolo e 1 cucchiaio di tahina.

Spaghetti di Zucchine con pesto, pomodorini e pinoli

Avete sentito parlare di cucina crudista? Questo piatto ne è un ottimo esempio ed è l’ideale durante la stagione delle zucchine: mangiate a crudo sarà più facile ricavarne al meglio le vitamine ed i sali minerali.

INGREDIENTI PER 4 PORZIONI
2 zucchine chiare
Una manciata di pinoli
Pomodorini q.b.
Olio e sale

Pesto:
basilico, rucola e prezzemolo in parti uguali
1 Manciata di anacardi e/o pistacchi al naturale
Circa 4-5 cucchiai di olio evo
poco sale
facoltativo: aglio

Con l’aiuto di uno spiralizer tagliare a spaghetti sottili le zucchine, salare e lasciare scolare per circa 20-30 minuti.
Intanto prepariamo il pesto: Mettere tutti gli ingredienti nel frullatore o nel mixer e frullare (o nel mortaio) fino ad ottenere una bella salsa verde. (Si conserva in frigo in barattolo ben chiuso per qualche giorno e si può anche congelare). In alternativa si possono usare anche mandorle, pinoli, noci macadamia, ecc.

Tagliamo a pezzetti i pomodorini e prepariamo i pinoli (volendo si possono tostare leggermente. Recuperiamo le zucchine che avranno perso la loro acqua di vegetazione e condiamo.

Miglio in timballo

Per la serie le proteine quelle buone ecco a voi il miglio! Finora ingiustamente dimenticato e lasciato in un angolo, grazie alla cucina naturale è stato riscoperto e può finalmente mostrare le sue preziose proprietà nutrizionali, oltre al suo sapore delicato (simile al riso) e alla sua versatilità in cucina (può anche diventare l’ingrediente per gustose polpette o addirittura per dei dessert) ma noi oggi ne faremo un bel timballo.
Prendete:

• 150 gr Miglio
• 2 carote
• 2 zucchine
• ½ peperone
• Olio e sale
• Lievito alimentare
• Pepe
• curcuma
• Ed altre verdure di stagione
• facoltativo: besciamella

Lessare il miglio e lasciarlo poi raffreddare.
Intanto cuocere a parte le verdure tagliate a piccoli dadini con olio sale e poco pepe.
Colorare il miglio lessato con un cucchiaino di curcuma (mescolando bene) e aggiungervi le verdure già cotte.
Versare in una pirofila da forno il miglio e verdure, se volete potete anche aggiungere poca besciamella.
Compattare bene e condire sopra con del lievito alimentare (che insaporisce ed in forno formerà una bella crosticina) ed olio evo.
Cuocere a 180°C fino a doratura.
Se volete fare come me lo potete servire su una vellutata di piselli: come si fa???? facilissima: cuocete i piselli con poco olio e sale ( e se occorre qualche cucchiaio di acqua o di brodo) magari aggiungendo anche del porro tritato e poi frullate tutto.

Da oggi scoprirete una proteina buona e priva di grassi (e priva di glutine)…bon appetit! 💚

Piadina facile facile

La possiamo anche definire la ricetta più semplice che ci sia, da realizzare in un attimo, a prova di chiunque.
Ripubblico la ricetta perché molti di voi l’hanno già provata e mi dicono che non riescono più a farne a meno 😜 tanto da essere diventati piadina-dipendenti!
Per realizzarla il segreto è scegliere ingredienti buoni, come una farina integrale o semintegrale bio, un buon olio di oliva extravergine, sale marino integrale e dell’acqua frizzante.

Le dosi sono:
400 g farina tipo 2 (o farina di farro o altro anche integrale)
200 ml acqua frizzante (se la farina è integrale aggiungere più acqua)
50 ml olio evo
1 presa di sale marino integrale

Uniamo gli ingredienti, li lavoriamo a mano fino a fare diventare il composto liscio, morbido e compatto.
Il consiglio è di lasciare riposare mezz’ora fuori frigo prima di stendere con il mattarello le piadine. Con queste dosi ne verrano 4 grandi o 8 piccole.
Le cuociamo in una padella antiaderente piatta e larga, girando da entrambi i lati.
Si può utilizzare anche l’ acqua naturale al posto della frizzante ma questa garantisce un’ottima morbidezza.

Per farcire? Beh qui potremmo parlarne per ore: hummus di ceci e radicchio, oppure asparagi + zucchine + cipollotti cotti e rucola fresca, oppure farifrittata + timo + pomodorini, oppure splamabile di anacardi + erba cipollina + fagiolini, oppure verdure gratinate o grigliate, insalate miste, erbe di campo, oppure melanzan grigliate+ pesto di rucola e pistacchi + pomodrini secchi, ecc. ecc. ecc…….
Ve lo dico sempre: la fantasia è Verde di Bontà!

spalmabile di anacardi

Gli anacardi sono una golosa frutta secca che spesso ahimè troviamo solo tostata e salata. Nei negozi bio per fortuna è facile reperire anacardi al naturale. A casa ne lascio sempre in abbondanza dentro un barattolo di vetro ma vedo che da lì spariscono in fretta! È infatti una buona abitudine mangiare della frutta secca al naturale come spezzafame.
Oggi con gli anacardi faremo una crema spalmabile che potrete aromatizzare a piacere. Il mio suggerimento è questo:

200gr anacardi al naturale
2 cucchiai di succo di limone
Poca acqua e poco sale
Erba cipollina o altre erbe aromatiche
Qualche pomodorino secco o semisecco
Dei germogli

Mettere a bagno gli anacardi per 4 – 6 ore poi scolare e sciacquarli bene. Metterli nel mixer con il succo di limone il sale e l’acqua aggiunta poco alla volta fino ad ottenere una bella consistenza cremosa e vellutata.
Ora aggiungete l’erba cipollina tritata oppure le erbe aromatiche che preferite ( timo basilico origano prezzemolo…..) e impiattate in ciotoline con un pomodorino secco e qualche germoglio.
Il composto cremoso senza le erbette aggiunte si conserva 2 o 3 giorni in frigo in un barattolo ben chiuso.

In foto lo vedete con cucchiaini di pasta matta…per un effetto superslurp!

Spaghetti di zucchine al pesto, pomodorini e pinoli

altrimenti detti zucchini noodles o Zoodles

Benvenuta estate! e benvenuti a tutti i piatti freschi, buoni e senza cottura.
Questo è una di quelle ricette che vi conquisteranno, da provare per credere.
Per ottenere un buon risultato consiglio di munirsi di uno “Spiralizer” per verdure ( ne esistono tanti modelli e sono decisamente a buon mercato) che potrete utilizzare con varie verdure e, oltre per creare “spaghetti”, anche per abbellire le vostre insalate.

La zucchina sarà la base di questo piatto: io che ho un piccolo orto vi assicuro che in questi giorni abbondano e quindi una ricetta alternativa per utilizzarle ci farà sicuramente comodo.

prendete:
2 zucchine medie
1 manciata di pomodorini
1 cucchiaio di pinoli
olio e sale

per il pesto:
1 manciata di rucola
1 manciata di basilico
1 manciata di prezzemolo
2 cucchiai di pistacchi verdi (o altra frutta secca in alternativa)
olio evo
1 presa di sale
facoltativo: 1/4 di 1 spicchio di aglio

Prendete gli ingredienti per il pesto e frullateli bene (attenzione se usate il bimby a non scaldare le lame che potrebbero rendere più scuro il pesto).

Intanto tagliate a dadini i pomodorini e conditeli con olio e sale.

Ora, con l’aiuto di uno spiralizer, create gli spaghetti di zucchina: basterà eliminare le 2 estremità delle zucchine dopo averle lavate e utilizzarle da crude.
Infine condire con olio e sale “gli spaghetti” e versarci sia il pesto sia i pomodorini conditi. Potete infine aggiungere pinoli e qualche foglia di basilico.

All’ultimo corso di cucina abbiamo reso a spaghetti anche 1/2 barbabietola e 1/2 daikon e mescolato il tutto, tra l’altro aumentanto l’effetto cromatico di questo piatto fresco, semplice e saporito.

Ora gustate la vostra creazione Verde di Bontà!

Pinzimonio con hummus di ceci

Un’idea talmente semplice che non si può non provarla!
Presentare la nostra tavola apparecchiata con al centro dei bicchierini che contengano hummus e pinzimonio in una chiassosa e colorata combinazione….ogni tavola si potrà così presentare allegra ed invitante!

Vi serviranno dei bicchierini o dei vasetti o dei piccoli contenitori e delle belle verdure da pinzimonio che affetterete dopo averle ben lavate.
Il consiglio è quello di usare verdure di vari colori, come radicchio ( quello trevigiano si presta particolarmente bene) carote finocchio ravanelli sedano pomodorini ….

La base è fatta con del buon hummus al prezzemolo per cui
Vi occorre
200 gr di ceci lessati
4 cucchiai di succo di limone
Qualche cucchiaio di acqua
Una manciata di prezzemolo
Pochissimo aglio
2-3 cucchiai di olio evo
Sale
Tahin ( crema di sesamo)

Mettete tutti gli ingredienti in un mixer per frullati bene fin ad ottenere un composto omogeneo e cremoso. Il consiglio è di aggiungere l’acqua un poco alla volta.
In alternativa potrete usare dei cubetti di ghiaccio per mantenere più chiaro il colore dell’ hummus.

Se lo gradite potete personalizzare il sapore del vostro hummus aggiungendo pomodorini secchi o paprica o pinoli tostati o avocado maturo o altre verdure…. come sempre occorre la nostra fantasia per creare il nostro piatto!

Crostata di verdure primaverili

Pensiamo alla primavera, alle gite, ai pic nic, oppure alle merende all’aperto o ad un aperitivo tra amici.
Una crostata facile da preparare dove abbinerete le verdure della stagione e i loro colori.

La base è una pasta che definisco simil brisée (si può infatti utilizzare al posto della classica brisée), poi possiamo aggiungere una crema ai piselli o una besciamella al basilico e quindi le verdure tagliate alla julienne, scottate in padella e disposte sulla crostata seguendo al vostra fantasia.

Servirà:
IMPASTO
200 gr farina tipo 2 (o 1 o integrale)
80ml acqua tiepida (un pò di più se la farina è integrale)
50ml olio evo
1 pizzico di sale

VERDURE
2 zucchine
15 asparagi
2 carote

olio sale pepe basilico e altri ingredienti a vostra scelta

Impastate acqua farina olio e sale per formare un composto morbido e lavorabile che lascerete riposare un’oretta fuori frigo.

Intanto pensate al ripieno: tagliate a julienne le verdure e saltatele in padella con poco olio e del sale. Il consiglio è sempre di far cuocere le verdure non tutte insieme nella stessa padella ma separate e di lasciarle abbastanza croccanti.

Se volete potete preparare in padella anche dei piselli che andrete a frullare così da avere una base per amalgamare meglio il tutto. In alternativa potete preparare una besciamella profumata al basilico e aggiungervi del lievito secco alimentare inattivato. Sopra questa base adagerete poi QWle verdure.

Quindi: stendete l’impasto direttamente sulla carta da forno e mettetelo poi in una teglia.
Adagiate sopra la crema di piselli o altro (ma vi ricordo che è facoltativo) e poi le verdure.
Cuocete in forno a 180°C per circa 25 minuti.

Sedano rapa a cotoletta con maionese

Il sedano rapa è un ortaggio che si sta via via facendo sempre più conoscere nella stagione invernale grazie al suo elevato contenuto di vitamine, basso apporto calorico e proprietà depurative. Ma come cucinarlo?
Esistono tante ricette… al forno, in purè, crudo in insalata oppure impanato e cotto al forno ( o in padella) come fosse una cotoletta o dei bastoncini.

Ingredienti
1 sedano rapa
Pan grattato
Olio sale e pepe

Per la pastella
Farina di ceci
Pan grattato
Acqua olio e sale

Per la maionese
Olio di semi di girasole deodorato e biologico
Bevanda di soia
Senape
Prezzemolo
Limone e sale

Laviamo il sedano rapa ed eliminiamo le radici.
Lo possiamo tagliare a fette o a bastoncini e lo lessiamo in acqua bollente per pochi minuti ( non più di 10).
Lo passiamo in una pastella fatta da mezzo bicchiere di farina di ceci ed un bicchiere scarso di acqua. Ora lo immergiamo nel pan grattato e lo condiamo con sale, olio ( ma anche pepe o aromi a piacere)
Lo cuociamo in forno dopo averlo bagnato con poco olio ( 180°C per circa 20 minuti).
Intanto prepariamo una maionese con 50 ml di bevanda di soia alla quale uniamo un pizzico di sale e qualche goccia di limone. Iniziamo a frullare e aggiungiamo a filo l’olio di semi fino a che vediamo montare la maionese ( basteranno pochi secondi).
Completiamo la maionese aggiungendo un cucchiaio di senape e del prezzemolo tritato.

Muffin salati

Merendina sfiziosa? Snack fuori casa? Aperitivo? Oppure per accompagnare una cena serviti anche al posto del pane? I muffin salati sono uno sfizio che ci possiamo concedere in tante occasioni. Li possiamo anche preparare e poi congelare, per riusarli al momento giusto.
Utilizziamo farine semintegrali (e per chi vuole si può utilizzare anche kamut, farro, e altro).
La ricetta è semplice, ricordatevi solo che devono lievitare qualche ora: il mio consiglio è di preparare l’impasto la sera, lasciarli in frigo per una notte e poi cuocerli il giorno dopo.

Ingredienti
200 Farina 2
• 100 Farina 0
• 1 cucchiaio Fecola di patate
• 1 vasetto yogurt di soia
• 10 gr lievito di birra
• 70 ml Olio di oliva
• 150 ml Latte vegetale
• Sale pepe
• Foglie di Timo
• Olive e pomodorini secchi

Facoltativo: zucchine, funghi e altre verdure;
si possono decorare anche con semi misti.

Setacciare le farine e la fecola ed aggiungere il lievito sciolto in poca acqua, il vasetto di yogurt di soia, l’olio e la bevanda vegetale, le foglie di timo ed il sale.
Impastare bene e lasciare lievitare per almeno 12 ore. Poi rimpastare e lasciare lievitare di nuovo qualche ora (almeno 2).
Tagliare a pezzetti i pomodorini secchi e le olive (taggiasche) e aggiungere all’impasto.
Versare in pirottini da muffin l’impasto e cuocere a forno statico a 190°C fino a doratura (testare la cottura anche con lo stecchino).
Servire tiepidi o a temperatura ambiente.

Buona merenda a tutti!!!